Intervista: Aesa, giovane artista, racconta il suo primo NightSwap

Aesa è un’artista ventottenne di Lione che ama visitare nuove destinazioni. Che sia in Francia o all’estero, per lei ogni viaggio rappresenta un’occasione di scoperta, incontro e condivisione. Nuovo membro di NightSwapping, Aesa ha provato questa soluzione durante un weekend a Forcalquier, tra le colline dell’Alta Provenza. Ha voluto raccontarci la sua esperienza.

Quali sono state le tue prime impressioni su NightSwapping?

Quando mi hanno parlato di questa idea ho voluto provarla subito. Sono abituata ad affidarmi ad altri siti per trovare un alloggio, come Airbnb o CouchSurfing, e ho trovato che Nightswapping sia un buon mix tra i due! NightSwapping ha i vantaggi di entrambi senza gli inconvenienti.

Come è andato il tuo primo NightSwap?

Abbiamo avuto una prima piacevolissima esperienza a Forcalquier. E’ molto diverso da Airbnb: non essendoci uno scambio di denaro toglie un peso e cambia il senso. Infatti abbiamo avuto la sensazione di essere accolti come amici da un conoscente. Il nostro ospite ha voluto accoglierci di persona e parlarci della sua città, della regione, e ci ha dato anche dei buoni consigli sulle attività e le escursioni da fare durante il nostro viaggio. Un vero e proprio rapporto di fiducia.

E il fatto di non avere niente da pagare per l’alloggio (oltre ai 9,90€ di spese di prenotazione) ci ha permesso in particolare di goderci un po’ di più le uscite, i ristoranti… Mentre in una situazione normale saremmo dovuti stare più attenti al nostro budget.

5Forcalquier – © Aesa

Tu sei sempre stata un’adepta di Airbnb. Che differenze trovi tra quest’ultimo e NightSwapping?

Come dicevo, penso che NightSwapping sia un buon mix tra Airbnb e CouchSurfing. Quello che trovo interessante è che c’è lo stesso spirito del CouchSurfing (viaggiare a costi minori e far parte di una comunità di viaggiatori, in un’atmosfera di fiducia e di ospitalità) ma con, come “ricompensa”, l’ospitare le persone a casa propria per poter poi viaggiare a propria volta grazie alle notti accumulate.

Trovo che sia geniale avere questa libertà di passare la notte dove ci piace: si può scegliere di andare in un monolocale nel centro di una grande città oppure andare in una villa con piscina in mezzo alla natura, e tutto questo senza sborsare un soldo oltre i 9,90 € di spese di prenotazione.

Quando prenoto su Airbnb faccio molta attenzione al prezzo e scelgo l’alloggio in base a questo criterio, mentre con Nightswapping ho molta più libertà e possibilità! E poi, un altro grande vantaggio rispetto a Airbnb, è legale, quindi non c’è nessun problema a stare a contatto con il proprietario!

Quali sono secondo te le caratteristiche dei nostri albergatori?

Credo che occorra essere viaggiatori oltre ad avere piacere ad ospitare e incontrare persone diverse. Come tutto si basa sul rispetto e la fiducia reciproca, penso che serva avere un certo spirito di comunità. Ma quando si ha già dormito a casa di privati si sa come accogliere gli altri perché si sentano bene e possano passare una bella vacanza.

Altri preferiranno continuare a viaggiare in hotel, è un concetto molto diverso. Personalmente sceglierei sempre di essere ospitata da qualcuno, perché, oltre al lato economico, mi sembra che si trovino spesso situazioni migliori in quanto a posizione, aspetti tipici e calore umano rispetto a una camera di albergo asettica. E si incontra un sacco di gente interessante!

Hai previsto di ospitare anche tu qualcuno? Se sì, che tipo di alloggio proponi?

Sì, certo! Ho un grande appartamento nel pieno centro di Lione, a Place Bellecour.
Vivo con un’amica storica e quando le ho parlato dell’idea è stata subito d’accordo ad ospitare qualcuno ogni tanto, in modo da usare le notti accumulate per fare qualche weekend in Francia.

Nightswap chez Aesa à Lyon

Grazie ad Aesa per il suo tempo. Se vuoi andare a fare un giro a Lione, non esitare a contattare Aesa per un NightSwap a Lione, sarà contentissima di ospitarti! :)